Categorie
Post Rock Recensioni

Nomera – Domo 137

Nomera
Domo 137
I Nomera si cimentano in un disco solido e ben costruito, dove le cinque canzoni mantengono un legame importante e con un’incendiaria qualità raccontano una bellissima storia.

I Nomera sono un progetto strumentale di nicchia, all’interno del loro paesaggio sperimentale si aziona un insieme di sinfonie dolci e personali, che subiscono una mutazione più dura oltre la barriera del suono con ritmi sfrenati e martellanti, su un timbro progressive metal. La band nasce a Valencia intorno il 2017, con delle buone prospettive e un ricco bagaglio di suoni interessanti, il loro sound spazia in diversi stili musicali, creando una personalità importante e d’impatto. Con il primo album “Holos” confermano a pieno le proprie qualità espressive e attirano subito una notevole fetta di pubblico, che rimane colpita dai loro concerti. In questo nuovo capitolo Domo 137, fanno un salto definitivo nel mondo discografico attuale, per dare il benvenuto a qualcosa di originale e travolgente.

L’iniziale traccia di apertura “Ocaso” ci trascina dentro un’atmosfera calda e accogliente, con un riff sporco di basso, che avvia un meccanismo ipnotico della batteria, sopra un tappeto armonico da brividi. Il tempo preciso delle percussioni poi, incastra il pianoforte sensuale, per narrare un viaggio carico di dolore, che si fa accattivante nella seconda parte del brano. Infine con il riff caotico della chitarra, si va verso una sensazione furiosa, lasciando una tematica macchinosa a tratti melodica. Segue un’emozione infernale nelle note di “Kamn”, che avvia un ruggito corposo e devastante della ritmica e si sviluppa in una narrazione di sfida contro un elemento potente e aggressivo, fino ad esplodere nel ritornello stupendo e ampio. Un brano eccellente, con un passaggio tecnico e incredibile nella parte conclusiva, le sonorità qui si avvicinano molto ai mondi sotterranei e estremi di marchio Alcest

Con “Una Mattina” invece si cercano di rallentare e calmare gli animi, con una sfumatura più dolce di stampo post rock. In questo caso la batteria si diverte su un’armonia quasi giocosa e l’arpeggio incantevole, invita l’ascoltatore a partecipare a uno spettacolo unico. Una delle composizioni più complete di questo lavoro. Prima di chiudere ci lasciamo cullare dal vortice magnetico di “Tale of Oleksiya”una suite morbida e rilassante, che mette in primo piano un esecuzione pazzesca del pianoforte e una sintonia precisa del gruppo in fase di produzione. Chiudiamo questo magico e interessante disco con un’altra bomba esplosiva. “Vortice” si lascia andare a una distorsione feroce ed esplora con maestria un sorprendente momento catartico, fino a togliere il respiro durante la sua lunga durata, ricca di vibrazioni pesanti.

I Nomera si cimentano in un disco solido e ben costruito, dove le cinque canzoni mantengono un legame importante e con un’incendiaria qualità raccontano una bellissima storia.

VOTO: 7,5

Nomera – Domo 137

Music composed by Nomera
Recording and mastering at Fireworks Estudios.

Nomera are:

David Hernández (drums)
Aleksey Stepanov (bass)
Vicente Roca (guitar)
Jose Jurado (guitar) 

Link Utili: 

° Spotify:

https://open.spotify.com/artist/17JwXpd5CJNAaabSCekOs6?fbclid=IwAR2dS7QXR3NWGuc9eECChCLs7rzpp3KoXYiFztgcWJenGQiDy5h9OsTL9Oo

° Bandcamp:

https://nomera.bandcamp.com/ 

° Facebook:

https://www.facebook.com/nomeraband 

Simone – Postrock.it
Categorie
Post Rock Recensioni

Sistra – Bias

SISTRA
Bias
“Bias” è un album difficile da comprendere e necessita di diversi ascolti, magari nel silenzio più assoluto, per assaporare tutti i lati più nascosti di questo progetto unico e incredibile.

La band campana Sistra, torna sul mondo discografico con il terzo lavoro in studio e immerge l’ascoltatore in un viaggio psichedelico di due ore, toccando le corde giuste e una sperimentazione vintage anni 70.

Le basi fondamentali in questo disco prendono vita senza troppi fronzoli, dalla mente carismatica di un insieme di musicisti importanti, sul panorama musicale in questo genere e non seguono uno schema ben preciso, fino a creare un percorso enorme e sensazionale.

Con “Dull Heaven” in apertura si intuisce subito, la maniera di concepire il sound progressive su atmosfere di nicchia e una narrazione personale in stile Banco Del Mutuo Soccorso.

Infine l’aggiunta di strumenti come l’armonica, completano il brano con una qualità morbida e impeccabile. Segue il rock sporco e irregolare di “Consequences” con un cambio spaziale nella parte finale e una buona dose di psichedelia estrema.

Da tenere d’occhio anche la traccia “On The Run” con un’onda rumorosa che prende vita in ogni passaggio e gli accenni alla fusion in “Finzioni in Funzione” con il tocco del basso funky notevole.

Più avanti ricordiamo con grande attenzione le sonorità sospese di “Lo Specchio Nello Specchio” e “Tons” che subiscono un contrasto diverso, ricco di tecnica e strutture complesse.

Ultime due menzioni preziose da approfondire, sono le tematiche fantastiche e surreali di “Blues di Picche” e una menzione incredibile nelle note psych-blues di “Ecologio” con i suoi 13 minuti di durata, che trascinano l’ascoltatore in un cammino oscuro e ampio di superstizione.

Il resto del disco scorre nel vortice sonoro progressive, che solo i veri intenditori riescono a custodire con cura nel loro bagaglio mistico e eccellente.

“Bias” è un album difficile da comprendere e necessita di diversi ascolti, magari nel silenzio più assoluto, per assaporare tutti i lati più nascosti di questo progetto unico e incredibile.

VOTO: 7

Sistra – Bias(2022)

Psych Up Melodies

Music composed by Sistra, Fabrizio Di Vicino


Link Utili:

Spotify:

https://open.spotify.com/artist/1HlAykV6ZDHOePVJEDGgdR

Youtube:

https://www.youtube.com/watch?v=f6DuiGjXJ3M&list=PL133tF8eGRbhor4BlgeDwaFrEGpkkaNoD

 

Simone – Postrock.it

Categorie
Post Rock Recensioni

Atomod – Friend

ATOMOD
Friend
Atomod è un progetto sperimentale di nicchia, che inserisce nel suo bagaglio culturale diversi elementi sognanti e carismatici, per un sound prettamente strumentale a tratti elettronico.

Il percorso inizia nel 2018 come un concept introspettivo ricco di personalità.

L’ispirazione del musicista si arricchisce di tematiche analogiche ed espansive, per creare una sensazione immaginaria in stile colonna sonora di un film fantascientifico, di grande fattura.

Con l’ultimo singolo “Friend” auto prodotto e raccontato in maniera preziosa, si esplora un legame interiore e personale, che affronta una narrazione importante e godibile, lasciando quel gusto sopraffino all’ascoltatore.

Il brano si apre con un’atmosfera cosmica e un sussurro femminile che arriva da una dimensione parallela, poi il tocco sensazionale della loop station oscura, unisce una melodia malinconica.

Nella parte centrale, si cavalca un’onda morbida e accogliente, che abbraccia la linea vocale sensuale, ed incontra il passaggio graffiante quasi virtuoso della chitarra, per poi infine chiudersi a riccio nel silenzio finale.

Una composizione preziosa e delicata, che aziona una fantasia importante al suo interno e lascia quella giusta curiosità magnetica da custodire con cura.

 

Voto: 7

Atomod – Friend

Autoproduzione

Lyric and music composed and arranged by Atomod


Link Utili:

Instagram: Atomodofficial 

Facebook: Atomod

Link: https://linktr.ee/atomodofficial

-SoundCloud: https://soundcloud.com/user-917375312/sets/demog_cd 

-YouTube: https://www.youtube.com/channel/UC9r50XvrlsJZ3LvZ_fWIHrA

-Spotify:  https://open.spotify.com/artist/4VX6a6LGJPyyQmvriDJdJb
 
 
Simone – Postrock.it
Categorie
Post Rock Recensioni

Brown and the Cosmonauts – “Helioscope”

Brown and the cosmonauts

Helioscope

Un singolo che ci trasporta in un mondo lontano, oltre a spazio e tempo, verso un futuro ignoto popolato da creature misteriose, Un piccolo capolavoro ad opera di artisti davvero geniali, un lavoro che lascia spazio ad un nuovo capitolo del postrock italiano. Ecco a voi Helioscope, ecco a voi i Brown and the cosmonauts.

È con piacere che mi avvicino a questo brano, dopo un bel periodo di lontananza dai brani strumentali. Un lavoro che ha davvero tante sfaccettature interessanti, e che dimostra già al suo esordio una potenzialità e una versatilità incredibili per il nostro trio emergente. Loro si chiamano Brown and The Cosmonauts, e sono nati con l’intenzione di portare qualcosa di nuovo e di fresco nel panorama Post Rock.

Mentre ascoltiamo il loro primo singolo, leggiamo qualcosa di interessante dalla loro biografia:

Il progetto nasce nell’estate 2021, da un’idea del musicista e compositore Simone Catena in arte “Brown”, che dopo aver scritto alcune bozze strumentali sotto periodo di pandemia, incontra due musicisti di spessore Rino Cacciapuoti e Paolo Sabatini, per mettere su una macchina psichedelica ricca di personalità.

I Brown and The Cosmonauts creano uno spaccato di vita notevole, che tratta tematiche personali e d’impatto, per una sensazione melodica a tratti furiosa.

Il singolo apre in maniera molto diretta, senza troppi fronzoli. I nostri viaggiatori del tempo sanno molto bene quello che fanno, e noi ci lasciamo trasportare dal loro sound. Il sipario si apre e ci ritroviamo catapultati in un mondo molto lontano dal nostro. Un mondo dove uomo e macchina sono diventati simili forse, un mondo dove tecnologia e anima sono parte dello stesso sistema.

Il basso, caldo e graffiante allo stesso tempo, intona questa marcia ritmica e assoluta, seguita da note sfuggenti ed enigmatiche di chitarra. Le percussioni danno fede a questo ritmo e incalzano nei punti giusti, per dare risalto a questo mondo che prende forma intorno a noi.

L’effetto che ci arriva è quello di un mondo ignoto, di qualcosa che sfugge dalla nostra concezione, qualcosa di cui potremmo avere paura, ma che al tempo stesso ci attrae e ci incuriosisce, al punto che vogliamo saperne di più, al punto che ci avventuriamo in questa oscura avventuraI colo

A 3:00 i colori si accendono, sopraggiunge qualcosa dall’alto, mezzi luminosi si muovono nel cielo, oggetti di cui non conosciamo la forma o l’utilizzo. Assuefatti da questa visione, seguiamo l’andirvieni di queste luci colorate. La chitarra rilascia effetti psichedelici a base di Fader nell’etere, basso e batteria si uniscono nel formare un unica macchina ibrida che si muove con passo lento e maestoso.

Nel complesso, davvero un piccolo capolavoro, un oggetto di cultura postrock emergente di cui sono sicuro sentiremo ancora parlare nei prossimi tempi. Attendiamo con ansia il loro primo album ufficiale, e speriamo di vederli presto live con il loro sound futuristico e cyberpunk.

Voto: 8,5

I Brown and the Cosmonauts sono:

  • Simone Catena Brown: chitarra e voce
  • Rino Cacciapuoti: basso
  • Paolo Sabatini: batteria

Music by :

Brown and the Cosmonauts

 

Recording and Mastering at:

Muffin Man Studio By Luigi Buzzelli

 

Link:

Facebook: https://www.facebook.com/brownandthecosmonauts

 

Artwork by:

Roberto Selvaggi

 

Autoproduzione – 2022

 

Paul – Postrock

Categorie
Post Rock Recensioni

Leonardo Serasini – Nausicaa

Leonardo
Serasini

Nausicaa

Un capitolo importante e raffinato per il cantautore, che si inoltra in orizzonti nuovi su uno stile folk e una ritmica avvolgente, per una ballad drammatica e matura.

Il chitarrista e compositore Leonardo Serasini è un musicista eccellente di nicchia, nato a Bologna con un ricco bagaglio di suoni e tematiche personali.

Il suo percorso è riconosciuto a livello nazionale, per le sensibili vibrazioni trasmesse e racchiude tutto lo studio prezioso per la chitarra, che riesce ad applicare anche come docente scolastico.

Con grande entusiasmo accoglie, una buona fetta di pubblico e dopo diversi singoli, sta per rilasciare un album Il Mondo Contro #1″ e “Il Mondo Contro #2”, diviso in quattro suggestivi capitoli, dal mood sentimentale. Ma andiamo ad analizzare questo nuovo intenso singolo dal titolo “Nausicaa”, una canzone che esplora una melodia soffusa e malinconica, per un viaggio carismatico e confortevole.

Il brano si aziona su un monologo ricercato e sussurrato, per analizzare un racconto che si fa spazio nella nostra vita nei lati interiori più nascosti.

L’inizio delle percussioni ipnotiche incastra l’arpeggio di chitarra leggero e una linea vocale sensuale. Il testo ricco di significato, abbraccia una realtà attuale e dormiente, accogliendo una visione lucida di una storia d’amore e un ricordo indelebile. La seconda parte della composizione poi, subisce una chiave più energica sul ritornello emblematico, per collegarsi a un’atmosfera morbida.

Sul tocco finale infine, si inserisce una piccola distorsione e un gioco virtuoso di chitarra, che si traveste in una suite orchestrale neoclassica e si conclude nel silenzio.

Un capitolo importante e raffinato per il cantautore, che si inoltra in orizzonti nuovi su uno stile folk e una ritmica avvolgente, per una ballad drammatica e matura.

 

VOTO: 6,5

Leonardo Serasini – Nausicaa(2022)

Autoproduzione

Music composed by Leonardo Serasini 


 

Link Utili:

Instagram: https://www.instagram.com/leonardoserasini/

Facebook: https://www.facebook.com/leonardoserasiniguitarman

https://www.facebook.com/leonardo.serasini/

Spotify: https://open.spotify.com/artist/7236OJX7zBxE55En4RnZqY

Rockit.it: https://www.rockit.it/leonardoserasini

Soundcloud: https://soundcloud.com/leonardo-serasini

 

Simone – Postrock.it

Categorie
Post Rock Recensioni

Hanging Fields – Fragments

Hanging Fields

Fragments

Gli Hanging Fields, esprimono un viaggio audace e spettacolare, inserendo un tassello originale alla loro carriera, per un capitolo dolce che si fa strada nell’oscurità.

La band francese Hanging Fields, avvicina le sue sonorità al post rock classico a tinte malinconiche, per un percorso solido ricco di emozioni.

Il gruppo nasce principalmente come duo, da un’idea di Nicolas Bredin (chitarre e synth) e Frèderic Motte (basso). Al loro personale bagaglio inseriscono, una sezione ritmica con David Guinot alla batteria.

In questo primo Ep prezioso “Fragments” si esplora una storia matura e struggente, che esprime al meglio lo studio sofisticato dei musicisti, immergendo l’ascoltatore in un atmosfera sinfonica e un brivido caldo sulla pelle.

Infine questo lavoro è auto prodotto dalla band, con le tracce che prendono vita in una chiave emblematica e si suddividono in cinque parti suggestive, fino ad unirsi alla fine come un puzzle unico e geniale.

Nel primo capitolo “Fragment I” si innalza un pianoforte leggero, che apre una melodia triste e accogliente.

Poi a piccoli passi le percussioni iniziano a fare capolino, all’interno di una stanza morbida e incantevole. Sulle chitarre notiamo il delay sensazionale e il gioco di riverberi lunari, che incontrano un mondo disorientato, fino ad esplodere in un impatto dinamico e energico, nella parte finale. Segue “Fragment II” con una tempistica lenta e orchestrale. Il timbro della batteria cavalca una tematica semplice, in perfetto stile ambient, che affonda la sua ritmica in un vortice preciso e ben strutturato.

La distorsione irregolare poi si risveglia in una bolla di cristallo, per poi abbracciare con violenza il muro di suoni corposi, che chiudono la traccia.

“Fragment III” invece è un brano ipnotico, ed è importante anche per la sua lunga durata. Le vibrazioni struggenti sfiorano una carezza sensibile, toccando nel profondo dell’anima. Al suo passaggio prende piede un racconto drammatico e illustra una figura innocente, avvolta da un paesaggio senza luce. Nel tocco finale le chitarre tornano a ruggire in uno stile quasi post metal, simile agli irlandesi God is an Astronaut. Senza dubbio una delle composizioni più belle e riuscite, di questa mini opera.

Prima di chiudere “Fragment IV” rimbalza in una struttura graffiante, per aprire una sinfonia misteriosa e un ampio raggio di sonorità ricercate. In questa canzone notiamo la tecnica del basso stupenda e il synth giocoso, che si lascia andare all’atto conclusivo travolgente e caotico. L’ultima parte “09-16” chiude questo piccolo lavoro, in una cavalcata meticolosa, che fa da colonna sonora ai nostri momenti più bui.

Gli Hanging Fields, esprimono un viaggio audace e spettacolare, inserendo un tassello originale alla loro carriera, per un capitolo dolce che si fa strada nell’oscurità.

 

VOTO: 7,5

Hanging Fields – Fragments(2022)

Autoproduzione

Music composed by Nicolas Bredin
Mix and Mastering by Frédéric Motte at Conkrete Studio

Hanging Fields are:

Nicolas Bredin: Guitar & Synth
Frédéric Motte: Bass
David Guinot: Drums

Link Utili:

https://fanlink.to/FRGMNTS

Bandcamp: https://hangingfields.bandcamp.com/

 

Simone Catena – Postrock.it

Categorie
Post Rock Recensioni

Automata – Autómata

Autómata

Automata

Automata è un album avvincente, che brilla di luce propria sopra ritmiche e sensazioni collegate da un filo sottile importante, creando un’infinita storia cinematografica da affrontare con adrenalina e potenza

Gli Autómata sono una giovane band francese, nata a Parigi nel 2019. Il loro bagaglio culturale esprime al meglio il paradiso strumentale e emozionante del post rock, toccando anche confini più di nicchia e complessi del progressive.

Nelle tematiche poi si affronta la realtà attuale, che va alla deriva di un mondo oscuro, chiudendosi a riccio nei propri pensieri.

Infine le ritmiche spesso furiose si aprono a paesaggi apocalittici e un’atmosfera intensa, che attira in modo impeccabile. In questo primo lavoro in studio dal titolo omonimo, il gruppo descrive un percorso accogliente, in chiave Ep con cinque tracce, che riscaldano il cuore verso attimi travolgenti, per una narrazione personale di grande spessore. L’opera viene distribuita dall’etichetta italiana Epictronic.

L’apertura di “Tanger” dipinge un quadro ben definito su questa nuova produzione, dal gusto originale e dai risvolti inaspettati.

Con il tocco sensibile del pianoforte si capisce subito che la band vuole toccare nel profondo dell’anima l’ascoltatore e si lascia andare a una melodia triste e armoniosa. A piccoli passi poi il basso inizia il suo risveglio e accarezza come un soffice sospiro il cammino. Nella parte centrale il vortice di chitarre cristalline prende vita su un timbro acustico, fino ad illuminare una suite da brividi, ricca di emozioni struggenti.

Segue “Church” un brano più moderno, con una sensazione che ci proietta verso il post metal vecchio stampo e fa dei chiari riferimenti ai cambi più spinti stile Mogwai.

Con l’aggiunta del tiro elettronico nella parte iniziale, la traccia esplode in maniera definitiva, fino al crescendo finale. “3×3+5” invece gioca con la sperimentazione preziosa, azionando una linea vocale spaziale, per una vibrazione intensa e drammatica, che incastra il muro di suoni introspettivi. Prima di chiudere dalle ceneri arriva il segnale dormiente di “Verdik”, una composizione che costruisce un ritmo sincopato delle percussioni e la ritmica stile math-rock. Nella seconda parte poi si mette in luce un passaggio progressive, per una delle opere più complete di questo lavoro. Chiudiamo con “Automate” un’ennesima canzone lunga e magnetica, dove il morbido cambiamento di tonalità, lascia spazio agli arpeggi melodici e un’aura dolce per un arrangiamento toccante.

Automata è un album avvincente, che brilla di luce propria sopra ritmiche e sensazioni collegate da un filo sottile importante, creando un’infinita storia cinematografica da affrontare con adrenalina e potenza.

 

VOTO: 7

 

Autómata – Automata(2021)

Epictronic

Recorded and mixed by Donatien Ribes and Vincent Thermidor at Studio Labosonique and Studio de la Tour Fine

 

Autòmata are:

Jean-Baptiste Elineau: bass guitar

Etienne Ertul: guitar

Francois Laumuret: samples,guitar and vocoder

David Vives: drums

 

Link Utili:

Links:
www.facebook.com/weareautomata
www.youtube.com/weareautomata
twitter.com/Autmata5
www.instagram.com/weareautomata
weareautomata.bandcamp.com

 

Simone Catena Brown – Postrock.it

Categorie
Post Rock Recensioni

John di Pasquale – Move the Uncovered Boxes Away

John Di Pasquale

Move the Uncovered Boxes Away

Questo disco ha una produzione notevole e mette in mostra la qualità incredibile dei tre musicisti, che si esibiscono in una suite orchestrale da brividi, per un’opera ben fatta e godibile.

Il collettivo italiano John di Pasquale, nasce da un’idea autentica del musicista e chitarrista Filippo Ferazzoli, con lo studio attento sulla sperimentazione di nicchia e affonda le radici nel mondo discografico, con una qualità interessante che distorce la realtà in un viaggio onirico e struggente.  Il trio con questo album di debutto Move The Uncovered Boxes Away, affronta quei passaggi sotterranei vicino al post rock classico a tinte indie, con un ricco bagaglio di idee creative e personali, che avvicina l’ascolto a mostri sacri del genere come Mogwai e Godspeed You! Black Emperor, lasciando quel gusto culturale e malinconico al lavoro. Infine la distribuzione viene affidata all’etichetta americana Chant Records, con base a New York.

L’apertura di “Smells Like Pine Trees” si immerge in una sensazione oscura, che graffia l’atmosfera serena di una vita solitaria e viene stravolta dai rumori inquietanti di fondo.

Il brano fa da introduzione surreale alla seguente “Over The Highline”, che aziona il tempo sospeso della batteria e l’elettronica ipnotica stile Radiohead, incastrando un synth roccioso e la linea di basso armoniosa. Dopo il primo crescendo però la canzone, viene interrotta nella parte centrale, rallentando il percorso all’interno di un sogno leggero e accogliente, fino a chiudersi con l’esplosione finale in perfetto stile post rock, su una chitarra impazzita e ben strutturata.

“Meaningless#1” è un segnale rumoroso, che prende vita all’interno di un sentimento sfuocato, soffocando l’atmosfera in un emozione priva di luce.

Con “In a While” invece si torna al punto di partenza, con un arpeggio di chitarra stupendo e il timbro sensazionale della ritmica, che si cimenta in un gioco tecnico e complesso, fino a perdersi in una galassia lontana.

“Circle” è una composizione interessante, che esplora un intenso passaggio di math rock, per una traccia divertente e originale.

Il tempo irregolare della batteria avvolge il basso distorto e le sfumature cosmiche, che si prendono tutta la scena, in una sperimentazione gonfia di sonorità.

Prima di chiudere ci soffermiamo su un altro capitolo grottesco, come a voler affrontare una sequenza da film horror, nelle note di “Manor Road”. Chiudiamo con l’impennata energica di “Umpteenth” e il tappeto dinamico delle percussioni, che segna di gran lunga la composizione più completa del disco.

Questo disco ha una produzione notevole e mette in mostra la qualità incredibile dei tre musicisti, che si esibiscono in una suite orchestrale da brividi, per un’opera ben fatta e godibile.

VOTO: 7,5

 

John Di Pasquale – Move the Uncovered Boxes Away(2022)
Chant Records
Recorded at Noatune Studios (London) and The White Lodge Studio (Rome)

John Di Pasquale are:
Filippo Ferazzoli: Guitars and Tapes
Jools Kelly: Bass
Luciano Cocco:Drums

Link Utili:

Facebook: https://www.facebook.com/johndipasqualemusic

Instagram: https://www.instagram.com/john_di_pasquale_music/?hl=it

Bandcamp: https://johndipasquale.bandcamp.com/album/move-the-uncovered-boxes-away

Spotify: https://open.spotify.com/artist/3zwpGdZ9pSYOqaJet5JyYw

 

Simone Catena Brown – Postrock.it

Categorie
Post Rock Recensioni

Frank Sinutre – Let This Sound Sing

Frank Sinutre

Let This Sound Sing

Ti è mai capitato di andare ad un concerto e non sapevi dove fosse di preciso? E scendendo dalla macchina in un parcheggio a caso ti sei mai fatto guidare dal suono che correva nell’aria per capire dove fosse? E in qualche modo alla fine, ascoltando il suono che si faceva sempre più forte, sei arrivato davanti al palco…

Oggi in redazione viaggiamo con la mente e nello spazio sonoro, grazie al nuovo singolo del duo mantovano Frank Sinutre, dal nome “Let This Sound Sing”. Il progetto, attivo dal 2011, ha la peculiarità di utilizzare nei live singolari strumenti elettronici autocostruiti come il Reactabox (ispirato al celebre Reactable consiste in un controller midi a forma di cubo luminoso, con all’interno una webcam ad infrarossi, che funziona leggendo delle immagini su dei cubetti che vengono appoggiati e mossi sul cubo) e Drummabox (batteria acustica basata su Arduino) oltre che strumenti tradizionali (chitarra, vocoder, synth, basso, lap steel guitar etc).

“Let This Sound Sing” è il secondo singolo dei Frank Sinutre, e arriva direttamente dal loro quarto album in studio “200.000.000 Steps”. Special Guest del singolo Marco Cremaschi nei panni dell’eclettico trombettista.

La traccia, accompagnata da un nuovo psichedelico video realizzato da Giovanni Tutti Films, parla di questa piccola esperienza sensitiva a cui prima della pandemia molto probabilmente avevi fatto caso distrattamente.

Il brano promette bene fin dalle prime note. È un sound semplice, ammaliante, che cattura nella sua semplicità l’ascoltatore facendolo subito sentire a casa. Casa…forse è proprio questo il tema portante di tutta la faccenda. Potremmo chiamarlo … Il Covid Effect. Un bel giorno ci siamo ritrovati tutti chiusi in casa, vicini e lontanissimi, obbligati a fermarci, ad ascoltare, a sentire ciò che c’era, e ciò che mancava. E i Frank Sinutre ci giocano con questo concetto, di pieno e vuoto, di vicino e lontano.

Chiudiamo gli occhi, e siamo lì, in mezzo alla nostra stanza, immaginando un concerto live che non c’è, sognando un mondo senza distanziamento sociale.

E in questo mondo prendono forma dei piccoli burattini animati, c’è il simpatico trombettista, che suona proprio in piedi sulla poltrona. Di fianco al letto il bassista, con un piede sul comodino, mentre si lancia nello slap selvaggio, mentre incita il suonatore di cubetti sonori. Quel cubo dall’aria magica, che lancia nell’aria note e colori, come una magia di inizio 900, come un coniglio dal cilindro, come una lanterna magica.

E noi saltiamo, beviamo cocktail, mettiamo i piedi nella sabbia, balliamo con amici ed ombre. Siamo a casa. Let This Sound Sing.

Un consiglio, ascoltatevi l’album, è spaziale!

Aspettiamo presto nuove notizie dai mitici Frank Sinutre, e speriamo di vederli presto Live in tutta Italia, oltre che nella nostra stanza.

Voto: 9

 

VIDEO

 

Link YT, FB, Instagram, Spotify, Soundcloud, Bandcamp:

https://linktr.ee/franksinutre

 

Paul – Postrock.it

Categorie
Post Rock Recensioni

Leonardo Serasini – Il Mondo Contro #1

Leonardo Serasini

Il Mondo Contro

Musica e Poesia, Immagini e Colori. Un lavoro interessante che ci catapulta in un universo parallelo, dominato da sensazioni intense ma anche da grande dolcezza. Ecco a voi Leonardo Serasini.
 
Si vive. Si può vivere solo in un modo. Rifugiandosi in qualcosa, in qualsiasi cosa, che sia diversa dalla realtà

Con questa enigmatica frase si apre il sipario sul nuovo, interessante lavoro di Leonardo Serasini. Stiamo parlando di un artista a tutto tondo: Chitarrista, Cantautore, Arrangiatore e Polistrumentista ha suonato con Band e Solisti partecipando a progetti di livello nazionale.

Questo lavoro viene presentato con una modalità davvero particolare, che ci incuriosisce da subito.

“Il Mondo Contro” non uscirà tutto in una volta… verrà pubblicato in vari episodi ricalcando la modalità con cui, un tempo, i romanzi venivano pubblicati a puntate sulle riviste letterarie.

Ma entriamo un po’ di più nel mondo di questo nuovo progetto.

“Il Mondo Contro” parla della realtà che ci circonda e della nostra vita interiore, del modo in cui il visibile e l’invisibile comunicano, si toccano, si feriscono e interagiscono tra loro allo scopo di creare, modellare, distruggere e ricostruire eternamente gli individui, la società e il contesto storico a cui appartengono.

Il primo “Capitolo” di questa saga di compone di due tracce, “Pieno di Rabbia (Contro Tutte Le Guerre)” e “Lasciami Andare”.

Due tracce interessanti, che ascoltiamo con piacere dall’inizio alla fine, e che ci regalano un insieme incredibile di emozioni. Il titolo della prima traccia esprime perfettamente il forte sentimento presente lungo tutta la durata del brano. Un impeto di rabbia che ci colpisce, ci attraversa, e ci arricchisce di nuove incredibili sonorità.

 

Le parole che sentiamo ci lasciano un segno, sono perfette nel punto in cui si trovano. Poesia e musica si uniscono per formare un’opera più grande

La seconda, “Lasciami andare” forse è più riflessiva. In versione Unplugged, anche qui ritroviamo un misto di poesia e musica, che ci piace molto e ci lascia con la voglia di continuare ad ascoltare.

Crediamo che questo sia un grande preludio per qualcosa di meraviglioso che ancora ci aspetta. Facciamo quindi i nostro complimenti a Leonardo Serasini e non vediamo di ascoltare le prossime pubblicazioni!

Voto: 8


Testo e Musica:

Leonardo Serasini (2022) Voce, Cori, Chitarre, Tastiere, Stilofono, Basso, Batteria

Campionamenti:

Leonardo Serasini

Registrato, Mixato e Masterizzato da:

Leonardo Serasini presso”LeTerreDiOrStudios”

Prodotto da:

Leonardo Serasini

Progetto Grafico:

Leonardo Serasini

Foto:

Leonardo Serasini

Realizzazione Video:

Leonardo Serasini

Disponibile nei Social e in tutte le Piattaforme Musicali dal 6 Aprile 2022. 

Facebook: https://www.facebook.com/leonardoserasiniguitarman

YouTube: https://www.youtube.com/user/LeonardoSerasiniPage

SoundCloud: https://soundcloud.com/leonardo-serasini 

Rockit: https://www.rockit.it/leonardoserasini

 

Paul – Postrock.it