Categorie
Recensioni

“Follow Me When I Leave”, secondo lavoro dei Babel Fish

Follow Me When I Leave

Secondo lavoro dei Babel Fish
Follow Me When I Leave, secondo lavoro dei Babel Fish.

La band, nata nel Novembre 2015, mi teletrasporta immediatamente in un nuovo mondo, fin dalle prime note di “Morning Birds”, il primo dei quattro pezzi dell’EP che stiamo presentando. La miscela di post-rock, art-rock e shoegaze lasciano senza fiato, soprattutto per l’uso che fanno della voce all’interno di brani che sposano l’attitudine dello strumentale. Interessante infatti la scelta di partire con la voce, togliendola durante l’apertura vera e propria del primo brano, tanto attesa e giunta solo al terzo minuto. Esplosione di suoni.

“TGD” ha una partenza sospesa, a tratti ansiogena, che prende forma con l’entrata della voce: sonorità che difficilmente permettono di distinguere la realtà dall’immaginazione, catapultando in un mondo del tutto nuovo, interiore o esteriore non ne ho realmente idea, ma sicuramente un mondo nuovo. Persino il video, infatti, mostra alcune scene del film muto del 1920, “Il Gabinetto del Dottor Caligari” di Robert Wiene. Scelta colta e intelligente. La scenografia, di fatti, si sposa benissimo con la canzone, trasformata qui in una vera e propria colonna sonora.

Il terzo brano, “Veins” ha un primo approccio più ritmato e diretto, rispetto alle altre canzoni. Di fatti la chitarra esplosiva non tarda a farsi sentire, dopo appena trenta secondi. La melodia principale continua a martellare frenetica nella mia mente di ascoltatrice, mentre tutto intorno si crea un ambient puro e potente. Circa un minuto di pace viene a seguire, con una sola chitarra, come un pianto nelle mie orecchie. E successivamente accorrono gli altri strumenti a dargli quasi conforto.

Il mio ascolto favorito di questo EP, registrato al Bombanella Soundscapes, è stato senza ombra di dubbio “Veins”, anche se devo ammettere che “Follow Me When I Leave”, il brano che ha dato il titolo a questo EP, rappresenta sicuramente meglio il genere che appropria questi ragazzi, creatori di un progetto che vale davvero la pena ascoltare, in un mondo musicale dove oramai davvero in pochi hanno le idee chiare. La tematica principale, infatti, è l’assenza di movimento, di definizione e di significato. Un’assenza che va esplorata con cautela e senza pregiudizio, per potersi rivelare un terreno fertile ad una nuova rinascita.

Voto: 7

Membri:

Giordano Calvanese: batteria
Gabriele Manzini: chitarra e voce
Matteo Vezzelli: basso
Edoardo Zagni:chitarra

Tracklist:

Morning Birds
TGD
Veins
Follow Me When I Leave

Contatti:

Facebook: https://www.facebook.com/babelfishofficial/
Ufficio Stampa: [email protected] 

J. Postorock.it

Categorie
Recensioni

Harmonices Mundi dei Norma Cluster, nella piena armonia del mondo

Harmonices Mundi

Norma Cluster
Harmonices Mundi dei Norma Cluster, nella piena armonia del mondo


Un EP che merita davvero di essere ascoltato.

Sto parlando dei Norma Cluster.

Ottima presentazione di partenza con il loro “Harmonices mundi”, e già il titolo devo dire che mi attirava, prima ancora di cominciare a sentire i tre brani.

Partiamo dal primo, 1572 Supernova, con cui la band di Vercelli decide di aprire la triade. E non solo, in quanto è stato il vero e proprio singolo d’esordio un paio di anni fa. GIà, perché dopo ben due anni, i Norma Cluster hanno dato vita ad Harmonices Mundi, precisamente il 15 febbraio del 2017.

Chitarra pulita, nitida, un sottofondo di immancabili synth che rendono atmosferico tutto l’ambiente sonoro in cui ci troviamo in questo momento. E da cui faccio, personalmente, fatica ad uscire. Soprattutto quando a pochi secondi dal terzo minuto, arriva la tanto attesa apertura del brano, che si completa qualche secondo più avanti con la scelta di un synth ulteriore che diventa protagonista, con una melodia predominante. La chitarra in tutto questo accompagna, senza mai risultare noiosa, fino al termine del brano, degno di una colonna sonora. Non ci delude neanche la seconda scelta, Tychonian, nonostante i suoi sette minuti. Già, perché cari lettori, se siete tra quelli convinti che la musica debba durare non oltre i tre minuti di ascolto, avete proprio sbagliato genere musicale da seguire. La musica non durata, la musica è musica e scorre nei nostri animi e nei nostri strumenti, nelle nostre orecchie, nel nostro corpo. E i Norma Cluster ci sono riusciti, con un sound sconvolgente, molto simile ai God Is an Astronaut, soprattutto durante l’apertura sonora dei brani, come avviene al minuto due di Tychonian, dove synth melodiosi si intrecciano come un docile disturbo alle chitarre, mentre la batteria in tutto questo non fa altro che donare una ritmica semplice ma cadenzata, fondamentale per il genere che non occorre di virtuosismi quanto invece di sentimento.

E niente parole per l’ultimo brano, “Primum movens”, in assoluto il mio preferito. La descrizione ed il sentimento che ha evocato in me è stato molto forte, come tutte le band che hanno la capacità di trasmettermi qualcosa di profondo. Attualmente i Norma Cluster sono a lavoro per del nuovo materiale e personalmente non vedo l’ora di poter ascoltare le loro nuove uscite.

I tre brani si collegano perfettamente tra di loro, i suoni sono stati accuratamente scelti e si sente, così come la qualità di registrazione. Forse avrei preferito sentire una maggiore dinamicità all’interno dei brani, più cambi e maggiori evoluzioni sonore. Ma non è detto che non si riesca a sentire questo piccolo tassello mancante nelle nuove registrazioni in arrivo.

Buon lavoro quindi ai Norma Cluster, attendiamo tutti le nuove uscite!

Voto 8

Membri:

Eugenio Nicolella: Chitarra
Emanuele Peluffo: Basso
Marco Massa: Batteria
Nicolò Zappariello: Basso
Giacomo Pirovano: Chitarra 

Contatti:

Facebook: https://normacluster.bandcamp.com
Bandcamp: https://normacluster.bandcamp.com

Tracklist:

  1. 1572, Supernova
  2. Tychonian
  3. Primum movens

J. Postrock.it